#CaraUnione » Sardegna

La lettera del giorno: "Daspo ambientale, una lezione di civiltà"

Lunedì 03 Settembre alle 11:20


Lo splendido scatto instagram di @likes_sardegna

Pubblichiamo oggi la riflessione di un lettore circa le barbarie compiute in Sardegna contro l'ambiente e l'introduzione del cosiddetto "Daspo ambientale", a suo avviso necessario per una esemplare lezione di civiltà.

***

"Gentile redazione,

in merito ai vostri articoli che appaiono sul quotidiano, riguardanti i 'barbari dell'ambiente', condivido totalmente gli orientamenti punitivi a cui fanno riferimento gli amici del WWF Sardegna.

Voglio dire che se non si inaspriscono con serietà e incisività le 'porcate' che combinano i 'bravi turisti italiani' e non, sarà infine distrutta anche la nostra amata (e rispettata) Isola di Sardegna.

In modo particolare mi riferisco all'episodio del turista (?) romano che ha praticamente massacrato la razza femmina quasi partoriente, nonché ai ladri che con ogni pretesto portano via come souvenir sabbia, pietre e chissà quanti altri reperti prelevati dalla Terra Sarda.

Al romano dovrà essere impedito di tornare in Sardegna, pena l'arresto immediato. Soprattutto mi auguro che venga severamente punito (economicamente) per l'atto di crudeltà che, per fortuna, in questo caso si è venuto a sapere, ma non solo economicamente, potrebbe essere utile una condanna esemplare alla detenzione in carcere o servigi alla Pubblica Utilità per durata di tempo molto considerevole.

Per gli altri furfanti sono pienamente d'accordo per l'irrogazione di sanzioni economiche elevate, menzione nel casellario giudiziale e, cosa importantissima, l'obbligo di riportare il maltolto da dove lo ha rubato!

Stessa cosa, con sanzioni più incisive per i bracconieri, i quali, non solo in Sardegna, ma in tutt'Italia, stanno letteralmente annientando la fauna selvatica e con essa anche la vegetazione, accanendosi contro ogni qualsivoglia patrimonio naturalistico e non.

Quindi ringrazio vivamente il WWF Sardegna e chiunque, mosso da animo nobile, rispetti e salvaguardi non solo la straordinaria e bella Sardegna, ma il pianeta intero.

Totalmente favorevole all'introduzione del cosiddetto 'DASPO Ambientale' a livello Nazionale, con revoca immediato di eventuale porto d'armi se l'autore ne fosse casomai titolare.

La Sardegna, essendo a 'Statuto Speciale' credo possa fare molto in virtù dell'Autonomia legislativa.

Grazie Unione Sarda, grazie davvero".

Rino - Pisa

 
Sardegna sfregiata dai turisti: "Serve il Daspo ambientale"

 
la busta con i sassi
Ladri di sabbia e sassi, Sardegna depredata. Ancora casi a Olbia

***

Potete inviare le vostre lettere e segnalazioni a redazioneweb@unionesarda.it specificando il vostro nome e cognome e un riferimento telefonico. Nell'oggetto dell'email chiediamo di inserire la dicitura #CaraUnione.

(La redazione si limita a dar voce ai cittadini che denunciano disservizi o anomalie e non necessariamente ne condivide il contenuto)

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile. L’Unione Sarda si riserva inoltre il diritto di segnalare alle autorità competenti eventuali abusi o violazioni.

7 commenti

  • Shidu 04/09/2018 09:15:19

    Favorevole. Al netto di imprevisti (una bottiglia d'olio esausto che cade e rompendosi sversa il tutto) Daspo per qualsiasi incivile di sorta.
  • Mallox 03/09/2018 17:58:09

    Sicuramente il Daspo urbano sarà utile contro questi cafoni che depredano e si esibiscono in crudeltà gratuite da trogloditi, ma non è detto che il Daspo sia proprio il toccasana. Magari questi buzzurri non sono habituè dell'isola, più probabile turisti una tantum, arrivati con i risparmi e le monetine del porcellino, per poi scordarsi dell'isola, più giusto sarebbe dare multe sostanziose, nell'ordine dei 4 zeri, e pubblicazione sui media, del reato, con tutti i dati identificativi e foto.
  • Brent 03/09/2018 15:51:46

    Giusto, e per coerenza direi che i sardi che distruggono l'ambiente, lo inquinano e uccidono animali di specie in via d'estinzione dovranno essere esiliati nella zona industriale di Vicenza
  • PIRVI 03/09/2018 15:15:59

    Condivido al 100 % ed aumenterei le pene attualmente ridicole da estendere anche ai bracconieri,uccellatori ed ai depredatori dei nostri mari ( ricciai in primis). Purtroppo questi delinquenti non sono solo italiani ma anche quegli stranieri che ,a casa loro, non oserebbero mai fare questi crimini perchè sarebbero penalmente uniti ! Sarebbero da punire esemplarmente anche i ristoratori che comprano le prede di questi "assassini" !
  • nur 03/09/2018 14:39:42

    Il Daspo ambientale andrebbe applicato anche ai RAZZIATORI DI RICCI,FUNGHI E LUMACHE sia sardi che non.
  • Amsicora2 03/09/2018 14:25:05

    Caro sig Rino, non parlerei solo di turisti italiani ma anche stranieri;infatti a cala goloritzè abbiamo sorpreso e subito segnalato alle guardie forestali un turista di colore straniero che si metteva nello zaino una dozzina di sassi bianchi,ebbene nonostante sia stato preso in fragranza di reato è stato lasciato andare e si è giustificato dicendo che non sapeva che fosse proibito trafugare l'arenile che gli sarebbe servito per il giardino di casa,ci vogliono pene severissime e esemplari.Basta!
  • iskander66 03/09/2018 11:38:03

    Perfettamente d'accordo con Rino. Sarei del parere di introdurre la fedina penale del turista in maniera che anche altre regioni e località turistiche possano tutelarsi da certi farabutti.