#CaraUnione » Cagliari

La lettera del giorno: "Infezione alla gola? Niente visita a Cagliari"

Domenica 12 Agosto alle 09:03 - ultimo aggiornamento alle 11:08


Immagine simbolo

Pubblichiamo oggi la riflessione di un lettore sulla sanità sarda, che non è in grado di garantire a Cagliari una visita infettivologica per un'infezione alle alte vie aeree resistente alle terapie.

***

"Gentile redazione,

ma quando si svegliano i sardi? Ma ci rendiamo conto di come viene gestita la nostra sanità?

Stiamo qui a dibattere sui vaccini quando nell'Isola manca anche il minimo essenziale. Un esempio che mi pare sia emblematico: visita infettivologica per infezione alte vie aeree resistente alle terapie, in sostanza un'infezione alla gola resistente agli antibiotici.

Bene, a Cagliari non esiste possibilità di prenotare questo tipo di visita neanche a pagamento intramoenia.

In sostanza, la risposta del numero del cup e del numero prenotazioni intramoenia dell'Asl è che per questo tipo di servizio devo rivolgermi altrove, e cioè prendere un aereo e andare in Italia.

È normale tutto ciò? Io dico di no. Oltre il ridicolo.

Un cordiale saluto".

S.P. - Cagliari

***

Potete inviare le vostre lettere e segnalazioni a redazioneweb@unionesarda.it specificando il vostro nome e cognome e un riferimento telefonico. Nell'oggetto dell'email chiediamo di inserire la dicitura #CaraUnione.

(La redazione si limita a dar voce ai cittadini che denunciano disservizi o anomalie e non necessariamente ne condivide il contenuto)

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile. L’Unione Sarda si riserva inoltre il diritto di segnalare alle autorità competenti eventuali abusi o violazioni.

4 commenti

  • user214275 13/08/2018 08:58:44

    Basti dire che mia suocera, per farsi curare una cataratta è dovuta partire in Francia, a seguito di 3 interventi sbagliati a Cagliari (da un medico conosciuto) durante uno dei quali le è stato addirittura messo un cristallino spaccato....quindi oltre che vederci male vedeva una linea al centro del campo visivo. In Francia le è stata fatta la diagnosi esatta alla prima visita.....ed erano sbigottiti dal cristallino rotto.
  • raiinbow6 12/08/2018 16:54:04

    chieda di farsi accompagnare nella penisola con l'elisoccorso, che sembra essere l'unica cosa che funziona nella sanità sarda.
  • nikes 12/08/2018 15:36:27

    Scusate, ma a parte le competenze(discuttibili) dei medici di famiglia, ma andare in un pronto soccorso,no???????
  • primoeffe 12/08/2018 12:53:16

    " andare in Italia ".......: lei si è già dato la risposta. La sanità sarda è malata da tempo, e le cure adeguate oltre Tirreno. Ovviamente ciò non vale per tutto. qualche eccellenza l'abbiamo anche noi: si tratta solo di avere la "fortuna" di contrarre la malattia giusta........ La Corte dei Conti, prima o poi, presentarà il conto ai politici incapaci che si erano messi in testa di risanare la Sanità. E quando arriverà il conto ne vedremo delle belle. Intanto godiamoci gli elicotteri....