#CaraUnione » Sardegna

La lettera del giorno: "Borse di Studio e ISEE, il cambiamento parte anche da qui"

Venerdì 10 Agosto alle 11:53


Immagine simbolo

Pubblichiamo oggi lo sfogo di una mamma cagliaritana, che si è vista negare una borsa di studio per i propri figli a causa di un ISEE "troppo alto", o almeno in relazione a chi ne ha fatto richiesta. La donna racconta la situazione economica familiare, e si pone molti dubbi e domande.

***

"Gentile redazione,

scrivo per segnalare l'ennesimo caso, a mio avviso, di 'presa in giro', da parte del nostro Paese, a chi onestamente dichiara il proprio reddito pagando le tasse.

Mi riferisco, nello specifico, alle 'Borse di Studio' pari a 200 o più euro messe a disposizione delle studentesse e degli studenti "delle scuole secondarie di secondo grado del sistema nazionale di istruzione (statali e paritarie) appartenenti a famiglie il cui Indicatore della Situazione Economica Equivalente (ISEE) rientri nella soglia massima di 14.650 euro".

Sinceramente, ancora una volta rimango allibita nel vedere come tali contributi vengono assegnati.

In graduatoria ho potuto notare molti figli di lavoratori autonomi, con tenori di vita anche più che benestanti, e i miei figli, con la nostra situazione familiare dove io guadagno 1300 euro mensili – quando ci arrivo – e mio marito è disoccupato, sono rimasti esclusi con la motivazione, inviatami dalla Regione a una mia precisa richiesta di chiarimento, che "quasi 5000 richiedenti residenti in Sardegna non beneficeranno della Borsa in quanto le somme attribuite dal MIUR all'Isola non sono, purtroppo, sufficienti per soddisfare tutte le richieste rientranti, come la mia, nel tetto ISEE di 14.650 euro".

Detto in poche parole, sono talmente tanti in Sardegna a dichiarare un ISEE decisamente inferiore al mio che addirittura siamo rimasti esclusi dal contributo.

Ora io mi chiedo: ma la mia colpa è solo quella di dichiarare tutto? Dovrei forse imbrogliare?

Mi rendo conto che si tratta solo di un amaro sfogo di fronte ad una palese ingiustizia ma su cui nessuno può fare nulla.

Tanto si parla di cambiamento in Italia: iniziamo a controllare seriamente le dichiarazioni al fisco delle persone, perché sentirsi stupidi, frustrati e amareggiati per la propria onestà credo sia un sentimento che al momento alberga nel nostro e in pochi altri Paesi.

Grazie per l'attenzione".

S.R. - Cagliari

***

Potete inviare le vostre lettere e segnalazioni a redazioneweb@unionesarda.it specificando il vostro nome e cognome e un riferimento telefonico. Nell'oggetto dell'email chiediamo di inserire la dicitura #CaraUnione.

(La redazione si limita a dar voce ai cittadini che denunciano disservizi o anomalie e non necessariamente ne condivide il contenuto)

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile. L’Unione Sarda si riserva inoltre il diritto di segnalare alle autorità competenti eventuali abusi o violazioni.

12 commenti

  • Josto 11/08/2018 11:44:56

    Quel bando è da cancellare perché non premia il merito.
  • mortimermous 11/08/2018 11:20:29

    Per me potrebbero togliere anche Isee e estrarre a caso chi omaggiare uno sconto, tanto non ci rientra nessuno.
  • giovanni43 11/08/2018 00:51:16

    La signora che lamenta l'ingiustizia dell'ISEE, ha perfettamente ragione. D'altro canto, i parametri reddituali non tengono conto della realtà economica degli aventi diritto. È anni che i governi parlano di quoziente familiare, come in Francia o nei paesi nordeuropei, ma la situazione non cambia. Chi può evadere evade, perché ciò che tiene a galla l'Italia è l'evasione fiscale. Altrimenti si mangerebbero anche quei soldi. Di contro i lavoratori a reddito fisso dovrebbero avere altre agevolazio..
  • user235835 11/08/2018 00:15:40

    Li avete votati ...... Teneteveli
  • user227701 10/08/2018 23:36:54

    Se i cittadini potessero denunciare alla guardia di finanza mantenendo l anonimato sarebbe tutto diverso: chiunque denuncerebbere la vile evasione e tutti si sentirebbe in obbligo di essere più onesti ,tutti pagherebbe le tasse, gli studenti meritevoli prenderebbero la borsa di studio per merito e non per l iseee
  • user227701 10/08/2018 23:33:18

    È proprio vero gli italiani sono furbi evasori. Ma io io da cittadina mi chiedo perché prprio io dovrei denunciare alla guardia di finanza un evasore se poi non mi è concesso l anonimato e rischio pure di dovermi pagare un avvocato per difendermi da eventuali querele dall evasore? E perché le autorita'non controllano tutti coloro che notoriamente evadono? Fiorai, muratori, idraulici, carrozzieri, meccanici, ristoratori, baby sitter, colf, ..eventuali continuare alla infinito....
  • sardinia 10/08/2018 18:50:10

    [2] solo dei tantissimi esempi? Ha mai visto lei un elettricista, idraulico, carpentiere, meccanico, carrozziere...e tutta la sfilza di "artigiani" che dopo la prestazione rilasciano la ricevuta fiscale? MAI! In quanti ristoranti e pizzerie, dopo la consumazione, viene rilasciata la ricevuta fiscale prevista dalla legge? Poche: la maggior parte di esse scrive l'importo da pagare su un pezzo di carta o uno scontrino NON FISCALE. Siamo fatti così noi italiani: amen. Mario Sconamila.
  • sardinia 10/08/2018 18:44:17

    [1] S.R., lo vado ripetendo da anni, e vengo sempre insultato. NOI ITALIANI, signora, SIAMO DEGLI EMERITI IMBROGLIONI, perché, numeri alla mano, evadiamo le tasse, o dichiariamo cifre irrisorie, sapendo di farla franca. Quando annualmente l'Agenzia delle Entrate pubblica le tabelle, INDIGNAZIONE GENERALE per due giorni, poi si dimentica. E' sempre stato così, siamo di una disonestà totale. E viene da ridere al pensare esista un partito che si vanta di essere ONESTO! Vuole un .../.
  • urlec 10/08/2018 17:30:32

    Ha perfettamente ragione la signora... Sono rimasti fuori dall'assegnazione studenti con la media del 10 mentre hanno avuto la borsa altri con medie decisamente inferiori... Una grande ingiustizia... dovrebbero dare un punteggio proporzionale anche al reddito e non escludere del tutto coloro che hanno un Isee oltre i 14.650 euro... Io avevo anche scritto all'assessorato e mi hanno risposto che hanno ragione loro!
  • Brent 10/08/2018 16:44:58

    Cara Signora purtroppo la colpa è di noi tutti, quante volte paghiamo senza pretendere lo scontrino o la ricevuta? Questo permette ai professionisti di non dichiarare i loro reali incassi, con la conseguenza che vengono considerati poveri quando poveri non sono e tolgono diritti ai veri poveri. Comunque il vero cambiamento parte da noi stessi, vada alla guardia di finanza e denunci i nomi dei furbi, vedrà che qualcuno ci pensa due volte prima di dichiarare il falso