#CaraUnione » Maracalagonis

La lettera del giorno: "Mio figlio fuori dal coma, grazie ai medici del Brotzu"

Martedì 17 Luglio alle 10:22 - ultimo aggiornamento alle 11:22


L'ospedale Brotzu

Pubblichiamo oggi la lettera di ringraziamento ai medici e al personale del Brotzu di un padre di Maracalagonis, il cui figlio quattordicenne, finito per cinque giorni in coma a seguito di un incidente stradale, ha potuto finalmente fare ritorno a casa, grazie anche alle preziose cure dell'ospedale cagliaritano.

***

"Gentile redazione,

la sera del 29 giugno ero a casa quando mio figlio 14 enne Michael e un suo amichetto vennero travolti da un'auto. Erano in bici.

Mio figlio finì in ospedale in coma.

Ho vissuto momenti di disperazione, cinque giorni terribili senza capire molto, sperando solo nei medici e nel Signore.

Ora mio figlio è tornato a casa, sta decisamente meglio, ha iniziato a mangiare e sta riprendendo la sua autonomia.

Vi scrivo, quindi, per esprimere la mia gratitudine ai medici di rianimazione e degli altri reparti del Brotzu che lo hanno avuto in cura. Sono stati davvero meravigliosi, e se mio figlio è tornato a casa lo deve e lo dobbiamo anche a loro.

Abbiamo vissuto giorni difficili, ma ora a casa è tornata la serenità.

Grazie di cuore a tutti".

Cesare Angius - Maracalagonis

***

Potete inviare le vostre lettere e segnalazioni a redazioneweb@unionesarda.it specificando il vostro nome e cognome e un riferimento telefonico. Nell'oggetto dell'email chiediamo di inserire la dicitura #CaraUnione.

(La redazione si limita a dar voce ai cittadini che denunciano disservizi o anomalie e non necessariamente ne condivide il contenuto)

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile. L’Unione Sarda si riserva inoltre il diritto di segnalare alle autorità competenti eventuali abusi o violazioni.

7 commenti

  • Claudietta80 20/07/2018 23:38:13

    Ci sono stata anche io in quel reparto, e avrei voluto ringraziarli tanto, ma con tutti quelli che vedono, non son sicura che si possano ricordare di me. Io loro li ricorderò per sempre!
  • Torre2 18/07/2018 10:20:09

    appunto Brent, ma sono proprio molti medici che non lo capiscono e sostituiscono compassione, umanità e solidarietà con ASSENZA DI EMPATIA, EGOISMO, CARRIERISMO, SUPPOSTA SUPERIORITA', ARROGANZA
  • Brent 18/07/2018 08:00:44

    Torre2 guarda che il medico o l'infermiere non è esattamente come fare il meccanico, con tutto il rispetto per i meccanici, oltre a fare il proprio dovere bisogna anche farlo con COMPASSIONE, UMANITÀ e SOLIDARIETÀ e ti garantisco che non è da tutti
  • RobertoCocco 17/07/2018 20:55:36

    sono contento xtti quelli entrando in qualsiasi ospedale. trovino personale nn solo qualificato, ma responsabile, con animo buono ecco perchè questi miracoli e ringraziamenti. ho girato tanti osp., parlato visitato da tanti medici, ma nn ho POTUTO SCRIVERE SICURAMENTE 1 LETTERE PER COMPLIMENTARMI CON QUESTI. ora ho conosciuto un medico che con un esame mi ha portato sollievo.mi sta seguendo spero continuii e possa risolvermi un problema ke dura 4 anni. scriverei volentierie trovarne è difficile
  • Torre2 17/07/2018 16:37:00

    i medici devono fare il loro dovere: sarebbero dei professionisti, non dei volontari ne dei filantropi se poi si accerta che non l'hanno fatto, devono pagare e caro
  • Vic80 17/07/2018 15:40:13

    Medici e infermieri son là per aiutare in ogni caso e situazione ! Un grazie enorme a questi eroi discreti del nostro quotidiano
  • gradisar 17/07/2018 13:19:59

    Sono felice per il ragazzo e la sua famiglia e un plauso ai medici e agli infermieri del Brotzu. I casi di buona sanità sono numerosissimi, molto più dei casi di mala sanità. Solo che solitamente fanno meno rumore e quindi sembra che non esistano. Della serie "fa più rumore un albero che cade di una foresta che cresce".