#CaraUnione

La lettera del cuore: "Mia figlia e il fidanzatino musulmano che la 'nasconde' ai genitori"

Venerdì 19 Gennaio alle 14:46 - ultimo aggiornamento alle 18:08


"Cara Unionedelcuore,

la questione sentimentale che vi sottopongo, non senza un filo di imbarazzo, riguarda mia figlia, una quindicenne senza grilli per la testa, che non ci ha mai dato problemi e che per ora non manifesta le classiche altalene dell'adolescenza.

Come da copione inizia ora a scoprire l'amore e dai piccoli filarini è passata alla fase del fidanzatino. Niente di nuovo, da genitori l'abbiamo già vissuto con il nostro figlio maggiore, solo che con lei capita una cosa a cui non eravamo preparati, perché il suo fidanzatino è di origini egiziane e di famiglia musulmana.

A rischio di essere massacrata dai lettori voglio dire che non è una questione di razzismo e nell'educare i nostri figli abbiamo sempre cercato di inculcare il contrario, il rispetto verso tutti e l'apertura, ma ora la realtà ci mette un po' alla prova. Di lui sappiamo quel poco che ci racconta nostra figlia, che è un bravo ragazzo, che è bravo a scuola, che gioca a calcio e frequenta il suo stesso gruppo di amici, e quelle rare volte che l'abbiamo visto di sfuggita ci è sembrato un tipo a posto. Poi, una frase di mia figlia ci ha spiazzati: le ha detto che è meglio che la sua famiglia non sappia che stanno insieme perché disapproverebbero e avrebbero da dire su di lei, anche solo per come è vestita o per la libertà che ha alla sua età .

Mia figlia non si rende conto che dietro questa frase c'è molto di più, e può darsi che questa sia la classica storiella che lascia il tempo che trova, ma mi resta comunque l'amaro in bocca e un po' di preoccupazione. Come dirle che non condivido senza passare per razzista? Come farle capire che nessuno deve 'vergognarsi' di lei e che non deve accettarlo nemmeno per amore?

Per ovvi motivi preferisco non indicare da dove scrivo, grazie."

I. O.

***

I lettori potranno intervenire con commenti, raccontare la propria esperienza indicando se desiderano firmare col nickname o con le proprie iniziali o scrivendo a: unionedelcuore@unionesarda.it

(La redazione non necessariamente condivide i contenuti di quanto pubblicato e i lettori si assumono la responsabilità di quanto scrivono)

 
La lettera del cuore: "Lasciata sull'altare per colpa di una ex riapparsa dal passato"

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile. L’Unione Sarda si riserva inoltre il diritto di segnalare alle autorità competenti eventuali abusi o violazioni.

13 commenti

  • sadam 23/01/2018 12:12:40

    Che lo molli all'istante, non capiranno mai il nostro modo di vita. Per il bene della ragazzina deve assolutamente mollarlo.
  • seadiver4x4 23/01/2018 09:56:32

    Sarebbe curioso sapere più o meno l'età dei ragazzi, l'adolescenza va dagli 11 ai 19 anni, ma le variabili in questo arco di tempo sono importanti. In ogni caso, in questo contesto, è necessario reperire maggiori dati possibili circa la famiglia: zona di origine, emancipazione ed integrazione. Questo a titolo, perlomeno prudenziale, per ogni eventuale sviluppo futuro (ad esempio "trasferimento" in terra d'origine)
  • corcovado 21/01/2018 10:02:34

    Prevedo grossi guai quando alla quindicenne passerà la cotta adolescenziale. Già è difficile per molti occidentali capire che il primo amore è inesorabilmente destinato a chiudersi in tempi più o meno brevi, figuriamoci con questo che già tira in ballo i genitori...
  • user232966 21/01/2018 07:43:00

    Ai miei tempi erano le ragazzine a nascondere il fidanzatino ai genitori perché se li cassavano volavano i colpi sia per lei che per lui, tanto per fargli capire fin da subito che l'amore è una cosa seria e non una passeggiata come crede la gente oggi
  • Synchro0vis 20/01/2018 23:09:04

    Povera mamma, il gentil ragazzo si sollazzera' per un po' con la tua figlioletta innamorata, e, quando si sara' stufato, passera' ad un' altra. La disapprovazione della famiglia e' solo una scusa.
  • mar01 20/01/2018 12:28:32

    Una madre dovrebbe dire chiamamente alla propria figlia quello che pensa e metterla in guardia dai pericoli , non tacere o tergiversare per paura di essere considerata "razzista" , a maggior ragione che i genitori del ragazzo non si mettono problemi a dire quello che pensano .
  • Papav76 20/01/2018 11:36:41

    Per statistica .. i matrimoni tra cristiani e musulmani generalmente non funzionano ... Occorre un apertura mentale e una cultura fuori dal comune , per superare i milioni di negativi condizionamenti a cui ci si è sottoposti dalla nascita ...
  • italysw 20/01/2018 11:18:24

    Diceva in vecchio proverbio; mogli e buoi dei paesi tuoi. E mi Feroi qui..purtroppo se IL ragazzino incomincia con questi commenti sappiamo già come andrà a finire..
  • user220836 20/01/2018 10:44:58

    Ciò che dice 1madino sarebbe condivisibile, se il ragazzo, non avesse, già messo, le manine avanti, rispetto a una possibile accettazione dei suoi genitori, ma sta solo spostando in avanti, la soluzione del problema: e se i genitori di lui, le chiedessero, come le chiederanno, di convertirsi, (forzatamente) alla religione Musulmana? con tutto quello che comporterebbe:velo sulla testa, no discoteca, no amicizie ecc.???
  • gradisar 20/01/2018 10:31:52

    A me sembra ovvio e scontato, purtroppo, che il razzismo esista un po' dappertutto e da parte di molti, a prescindere dalla nazionalità, razza o credo religioso. Detto questo, non penso che questo significhi esserlo a nostra volta perchè lo sono anche alcuni di loro. Ci vantiamo (molti di noi lo fanno) di essere una civiltà superiore però questo bisognerebbe anche dimostrarlo con i fatti. Io non sarò mai razzista nei confronti di chicchessia nonostante altri lo siano con me o con la mia razza