#CaraUnione » Quartu Sant'Elena

La lettera del giorno: "Quartu, strade a rischio e Comune senza fondi"

Giovedì 09 Novembre alle 12:07 - ultimo aggiornamento Venerdì 10 Novembre alle 09:42


L'ingresso della società sportiva ASD San Francesco

Pubblichiamo oggi la segnalazione del direttore sportivo della società ASD San Francesco di Quartu Sant'Elena, preoccupato per la pericolosità della strada, a scorrimento veloce, su cui si affaccia l'ingresso della società.

Ai campi della polisportiva accedono circa 480 fra bimbi e ragazzi, e il rischio che nell'uscita dagli allenamenti qualcuno possa essere investito è molto alto. La speranza della società è che il Comune possa trovare presto una soluzione, prima che capiti davvero qualcosa di grave.

*************************

"Gentile Redazione,

vi scrivo per segnalare una situazione di pericolosità nel comune di Quartu, in via San Francesco.

Su questa strada, in prossimità del cimitero, è infatti posto l'accesso alla società sportiva ASD San Francesco, di cui sono direttore sportivo, società che raccoglie circa 480 fra bambini e ragazzi della nostra scuola calcio.

La strada è a scorrimento veloce, e le auto viaggiano a una velocità decisamente elevata. Il rischio che qualche bambino, uscendo dal centro, venga investito è molto alto, e già tre volte abbiamo rischiato la tragedia, non da ultimo proprio nella serata di ieri.

Ho già segnalato la pericolosità al Comune, chiedendo che venga posta una segnaletica o quantomeno dei delimitatori provvisori per limitare la velocità delle auto e favorire il passaggio di bimbi e ragazzi.

Il sindaco ci ha fatto sapere che al momento non ci sono fondi per intervenire, ma che proveranno a valutare soluzioni.

Spero che questo problema venga al più presto risolto, e prima che capiti davvero qualcosa di grave ai nostri ragazzi".

Grazie dell'attenzione,

Stefano Serra – Direttore sportivo ASD San Francesco

**************************************************

Potete inviare le vostre lettere e segnalazioni a redazioneweb@unionesarda.it specificando il vostro nome e cognome e un riferimento telefonico. Nell'oggetto dell'email chiediamo di inserire la dicitura #CaraUnione.

(La redazione si limita a dar voce ai cittadini che denunciano disservizi o anomalie; non necessariamente condivide il contenuto riportato dai lettori che si assumono la responsabilità di quanto scrivono)

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile.

7 commenti

  • daai 10/11/2017 07:26:30

    Via San Francesco non è una strada a scorrimento veloce ma una strada urbana a doppio senso di circolazione. La maggior parte dei veicoli che vi transitano sono dei genitori che portano i figli all'ASD. Senza voler giustificare l'amministrazione comunale che dovrebbe intervenire vista l'importante confluenza di veicoli e pedoni negli orari di allenamento, vorrei sottolineare che i primi "pirati della strada"sono gli stessi genitori che parcheggiano ovunque limitando la visibilità...
  • semur 09/11/2017 22:08:26

    fausty12 hai mai sentito di aziende private che pensano a fare strade, asili, giardini pubblici ecc.? le aziende private pensano solo a far soldi sfruttando il personale, io e te compresi. con chi dovrebbe competere il Comune?
  • user232966 09/11/2017 18:54:11

    Il comune di Quartu ha il litorale più esteso e edificato della Sardegna, con tutti i milioni di euro che incassa dalle case al mare e dalle concessioni balneari dovrebbe avere fondi sufficienti per fare le strade in oro zecchino, e invece dappertutto regna il degrado
  • LOPRIORE 09/11/2017 17:04:23

    Caro sindaco, cosa centra il fatto che mancano i fondi? In questo caso si chiede solo di mettere alcuni segnali di limite di velocità e dissuasori sul manto stradale nelle vicinanze della struttura sportiva, affinché le macchine non possano più andare a velocità sostenute. Non c'è bisogno di cifre tali da farvi piangere sempre miseria. Ci vuole solo un pò di buona volontà e niente altro.
  • user235165 09/11/2017 15:15:36

    potrebbero vendere a ferro i rilevatori di velocita' che deturpano la litoranea ,i pezzi di guard rail nella zona di flumini ,i vari pali della luce di via mar ligure , i resti metallici della piscina e cosi' in tutto il territorio, per non parlare di via fiume.....
  • margiani3 09/11/2017 14:43:02

    I fondi si trovano solo per autovelox inutili
  • fausty12 09/11/2017 12:43:02

    Comune sarà perennemente senza fondi. Per un semplice motivo, il carrozzone di personale, funzionari, consulenze, appalti, vigili, ecc. il bilancio è usato per far fronte all'improduttività. Pertanto per la cittadinanza non avanza nulla, e così si può dire che mancano i soldi, non ci sono fondi, bilanci ristretti. Avete mai sentito parlare nelle aziende private di ristrutturazioni e adeguamenti alla competitività. Credo anche il comune debba seguire questa strada. Sarebbe un buon inizio.