Diminuisci grandezza testo Aumenta grandezza testo Stampa l'articolo Segnala ad un amico RSS Delicious Facebook

Papa Francesco: "Pace a tutto il mondo"
In 250 mila alla benedizione Urbi et Orbi

Papa Francesco: "Pace a tutto il mondo" In 250 mila alla benedizione Urbi et Orbi Il Papa abbraccia un bambino

Oltre 250 mila persone hanno assistito ieri mattina in Piazza San Pietro alla messa di Pasqua di Papa Francesco, la prima del suo pontificato.

Al termine della quale, affacciandosi dalla loggia centrale della basilica, il Pontefice ha pronunciato il messaggio pasquale e impartito la benedizione Urbi et Orbi.

"Pace a tutto il mondo - ha invocato Bergoglio -, ancora così diviso dall'avidità di chi cerca facili guadagni, ferito dall'egoismo che minaccia la vita umana e la famiglia, egoismo che continua la tratta di persone, la schiavitù più estesa in questo ventunesimo secolo".

"Pace a tutto il mondo - ha proseguito -, dilaniato dalla violenza legata al narcotraffico e dallo sfruttamento iniquo delle risorse naturali!". "Pace a questa nostra Terra! - ha detto ancora il Pontefice - Gesù risorto porti conforto a chi è vittima delle calamità naturali e ci renda custodi responsabili del creato".

Il Papa ha chiesto la pace per il Medio Oriente, "in particolare tra Israeliani e Palestinesi" perché "riprendano con coraggio e disponibilità i negoziati ". Quindi anche per l'Iraq, e "soprattutto per l'amata Siria", auspicando "che si riesca a trovare una soluzione politica alla crisi".

Bergoglio non ha mancato di ricordare i conflitti in Africa, gli attentati e i rapimenti in Nigeria, e, a proposito delle minacce di guerra tra le due Coree, ha fatto appello a che "si superino le divergenze e maturi un rinnovato spirito di riconciliazione".

Al termine del messaggio, il Papa ha pronunciato gli auguri di Buona Pasqua solo in italiano, e non anche nelle decine di lingue come avveniva con i suoi predecessori. Prima di salire alla loggia, al termine della messa ha fatto il giro della piazza sulla "campagnola" scoperta, salutando e benedicendo la folla che lo acclamava e fermandosi a baciare neonati e ad abbracciare ed accarezzare giovani disabili. In mattinata, in un nuovo messaggio su Twitter, ha invitato i numerosissimi followers ad accettare Gesù Risorto nella propria vita. "Anche se sei stato lontano - ha scritto -, fà un piccolo passo verso di Lui: ti sta aspettando a braccia aperte".

 
loading
Edicola de L'Unione Sarda