Pagine Sarde Logo 
Lo cerchi in Sardegna? Lo trovi su Pagine Sarde!
PagineSarde.it
Diminuisci grandezza testo Aumenta grandezza testo Stampa l'articolo Segnala ad un amico RSS Delicious Facebook

Cagliari, le mille voci di Mengoni

Cagliari, le mille voci di Mengoni Marco Mengoni sul palco dell'Anfiteatro (Daniela Zedda)

Grande performance ieri sera all’Anfiteatro romano di Cagliari. Il vincitore di X-Factor incanta il pubblico e rende omaggio a Battisti

L'importante è esagerare, sia bene che nel male, cantava Enzo Jannacci. Marco Mengoni esagera nel bene (della musica) e sul palco sfodera tutto il suo potenziale. Gioca con il suo talento, il cantante nativo di Ronciglione. E conferma che la grande Mina non parlava a vanvera quando ha speso parole dolci come il miele sul conto del vincitore di X-Factor («Sono orgogliosa di fare il suo mestiere»).

Ieri sera il tour dell'artista laziale ha fatto tappa a Cagliari. L'Anfiteatro di viale Fra Ignazio l'ha accolto con un pubblico poco numeroso (1300-1500 spettatori, non di più), ma abbastanza vario: bambini, adolescenti, giovani, qualche anzianotto e una folta rappresentanza della comunità gay cittadina. Nessuno si è pentito di aver pagato il biglietto.

Marco Mengoni tiene la scena come una star affermata: balla, canta, recita, si emoziona, svaria su tutti i fronti del pop e del rock. Dice di avere tante identità, tante cose da dire. E non mente. Maschera i comprensibili limiti del repertorio con altri accorgimenti. La scenografia in primo luogo: il palco-scacchiera e le tende bianche e nere; i travestimenti (si presenta mascherato da coniglio) e le coreografie con due ballerini; le tantissime cover su cui poggia tutta la struttura dello spettacolo. Con le canzoni del suo primo disco da solista ( Re Matto ) sarebbe davvero arduo reggere uno show di due ore. E allora via al remake. Nessun saccheggio fine a se stesso, ma riletture originali di brani che spaziano su diversi generi.

Marco Mengoni rende omaggio alla grande musica leggera italiana ricordando Lucio Battisti a dodici anni esatti dalla morte (9 settembre del 1998) con Insieme a te sto bene . Si cimenta con Almeno tu nell'universo di Mia Martini esasperando le doti vocali, tanto da risultare un po' pesante. Scomoda anche Mina e rifà Nessuno infarcita di schitarrate degne della miglior tradizione rock e falsetti spaccavetri.

Nel frullatore sonoro di mister X-Factor ci sono anche i Rolling Stones ( Satisfaction più blues che mai), i Creedence di Proud Mary (cantata strizzando occhio e voce alla versione di Ike e Tina Turner), gli Who di See me feel me , ma anche Paul McCartney e Beatles ( Helter Skelter ), Loredana Bertè, Aerosmith, Tears for Fears e Jamiroquai.

FRANCESCO PINTORE

 
loading
loading
Edicola de L'Unione Sarda